Paradoxa, ANNO II – Numero 4 – Ottobre/Dicembre 2008

Più sani, più malati
a cura di Maria T. Russo

Che cos’è «malattia» oggi nel sentire comune? E la salute è una condizione di sanità psico-fisica o una diffusa percezione di benessere? Il numero 4/2008 di «Paradoxa» riflette sugli attuali modelli di medicina e sul labile confine tra il giusto «prendersi cura» e la medicalizzazione forzata dell’esistenza. Come i contributi suggeriscono, affannarsi per la salute non è necessariamente indice di un atteggiamento sano. Si tratta il più delle volte di una rischiosa distorsione, dalla quale non sono immuni i medici che, dimenticando il giuramento di Ippocrate, trasformano il loro mestiere in professione. Due sono i principi bioetico-deontologici che il giuramento veicola: l’impegno del medico ad autolimitare i propri poteri, la difesa della vita umana. Questi principi sono ancora attuali? Nel rispondere alla questione, gli autori offrono sia un’analisi degli aspetti tecnico-metodologici, sia una riflessione teorica sullo slittamento avvenuto nell’era della tecnocrazia: da un quadro relazionale a una nozione individualistica e industrializzata della medicina, dalla cura dell’uomo all’inseguimento di sempre nuove risorse tecnologiche; o ancora, dalla salute come stato di forma che consente di svolgere le normali attività alla salute come condizione di benessere psicologico da preservare a tutti i costi. La risposta ultima è condivisa: occorre risemantizzare il modello corrente in senso relazionale, comunitario. Non si tratta soltanto di una questione di principio, ma di un problema pratico. Come chiariscono Paola Binetti e Livia Turco, infatti, l’ordine che rende possibile il raggiungimento degli obiettivi specifici in ambito sanitario è sempre e soprattutto un ordine di natura etica.


Indice:
Download paradoxa-2008-4-più-sani-più-malati_indice

I commenti sono chiusi