AA.VV., Verso un umanesimo della nuova speranza, Roma 1985, pp. 80

1985 - Verso un umanesimo della nuova speranza

F. Bonacina, L. Lepri, V. Mathieu, M. M. Olivetti, P. Pace, L. Paoletti, A. Rigobello

La speranza, come dimensione ontologica, si rinviene nella progettualità della condizione itinerante dell’uomo, in quanto è nell’attitudine a sperare che l’uomo si coglie nella propria autorealizzazione. Si tratta di una speranza aperta alla solidarietà, intenzionalmente rivolta alla comunione, e che, pur nel rispetto della singolarità di ogni persona, ci induce ad una comprensione globale della vita al di là delle sue singole manifestazioni.

I commenti sono chiusi