Fondazione - Persone


Stefano Bancalari
(Roma, 1972) insegna Fenomenologia della religione presso la Facoltà di Filosofia della Sapienza. È segretario dell’Istituto di Studi Filosofici “Enrico Castelli” e managing editor della rivista “Archivio di filosofia”.
Una delle linee portanti della sua ricerca consiste nel tentativo di individuare nel problema dell’intersoggettività un momento di snodo e di crisi del metodo husserliano, che implica una messa in questione dei concetti cardine della fenomenologia: epoché, datità, fenomeno. Lo studio delle diverse declinazioni del tema negli autori di cui si è occupato – dalla Lebenswelt di Husserl al Mitsein heideggeriano, dalla comunità delle persone di Scheler al rapporto donatore/donatario in Marion – mostra un nesso tutt’altro che estrinseco fra fenomenologia e filosofia della religione, che consente di vedere nella “fenomenologia della religione” un significativo luogo della transizione dall’ontologia all’etica (nel senso di Levinas).

Tra le sue pubblicazioni:

- L’altro e l’esserci. Il problema del Mitsein nel pensiero di Heidegger, Padova 1999.
- Intersoggettività e mondo della vita. Husserl e il problema della fenomenologia, Padova 2003.
- Generalizzazione, formalizzazione, epoché: le radici husserliane dell’indicazione formale, «Fieri. Annali della Facoltà di Filosofia di Palermo», 3, 2005, pp. 113-131.
- Tertium datur. Epoché e fenomeno-logica del «terzo escluso» in Autrement qu’être, «Archivio di filosofia», 2006, pp. 205-212.
- Phénoménologie et mythe de l’hypostase, in F. S. Trincia, S. Bancalari (éds.), Perspectives sur le sujet, Hildesheim – Zürich – New York 2007, pp. 30-50.
- Rudolf Otto e le due fenomenologie della religione, “Archivio di filosofia”, 2007

Inoltre, ha in preparazione la traduzione di un volume di Opere di Rudolf Otto, per la collana “Classici della Filosofia” della UTET.

« back