Novaspes

Paradoxa, ANNO I - Numero 2 - Aprile/Giugno 2007

Erotica
Saggi di passione per la società
a cura di Vittorio Mathieu


D’Agostino ribalta la tendenza a concepire l’amore come un di più, necessario a completare la giustizia e a evitare che il summum ius divenga summa iniuria. Al contrario, l’amore è anteriore alla giustizia, la fonda e la sostiene. Zamagni fa qualcosa di analogo con l’economia: l’amore non serve a correggere il mercato e ad attenuarne la crudeltà, ma è il fondamento su cui il mercato può prosperare. Paoletti segue il filo dell’intreccio inestricabile tra i sentimenti e la temporalità. Aluffi Beck-Peccoz legge la questione nel Corano: l’amore viene da Dio e spesso è accostato all’amore per la donna; esige giustizia tra le mogli, quando siano «due o tre o quattro». Baharier, destreggiandosi nel labirinto del Talmud, vi trova il precetto: «Amerai per il tuo prossimo ciò che ami per te». Guerri e Veneto parlano dell’amore genitoriale, da loro vissuto di recente, e affrontano seriamente il pessimismo di Schopenhauer sull’opportunità di fare figli, un pessimismo su cui anche il saggio di Mathieu attira l’attenzione. Cotta affronta l’inattualità dell’amore autentico, e Belardinelli s’interroga sulle possibilità dell’amore nel postmoderno. Questi i contenuti del secondo fascicolo di «Paradoxa» ricostruiti nell’Editoriale dal Curatore, il quale torna anche sull’istanza che innerva la rivista, sin nel titolo. «Paradoxa» è ciò che va contro l’aspettativa, capacità di sfida e ironia, perché troppo spesso si trascura oggi il nesso tra condizioni e condizionato, princìpi e conseguenze, dimenticando la nostra condizione creaturale. E l’istanza, complessa, s’ incarna esemplarmente in questo numero, in cui il paradosso sfiora l’eterodosso. Il risultato è un sovvertimento della distinzione eros-agape richiamata nell’enciclica Deus Caritas est, una messa in luce del tratto positivo dell’eros come ciò che, per quanto spesso soggetto a deviazioni e degradazioni, rappresenta l’imprescindibile collante dell’umanità.
 
Editoriale

Perché Paradoxa?
Vittorio Mathieu
 

Contributi

Non c'è giustizia senza amore

Francesco D'Agostino
Amore e giustizia nell'Islam: teologia, mistica e legge Roberta Aluffi Beck-Peccoz
L'ermeneutica dell'amore Haim Baharier
Tempo e sentimenti Laura Paoletti
Per un'ontologia del sesso Vittorio Mathieu
Amore e reciprocità: articoli di mercato? Stefano Zamagni

Erotizzare la famiglia. Il caos dell'amore coniugale tra modernità e postmodernità
Sergio Belardinelli
Carne della carne Giordano Bruno Guerri e Paola Veneto
L'amore e l'altro Gabriella Cotta
 
Intervista

Human Dignity and Basic Capabilities
 
Paola Bernardini intervista Martha Nussbaum
 

Un carteggio tra Ben Gurion e Isaiah Berlin

Religion, Identity and the State



a cura di Gianluca Sadun Bordoni
 
A più voci/1

Sguardi sul femminismo
 
Lucetta Scaraffia · Claudia Mancina · Rosetta Stella
 
A più voci/2

L'evoluzione dell'idea di evoluzione
Gilberto Corbellini
Darwin, mancano le prove Cristoph Schönborn
 
A caldo

Verso una metrica dell'eros?
Massimo Benocci
 
All'attenzione

A. Zuliani, La valutazione della ricerca. Libro Bianco
Stefano Bancalari
E. De Luca, In nome della madre Francesco V. Tommasi
N. Ferguson, The War of the World  Marco Zaganella
 
Nel mondo si  discute di...
Paradoxa
 
 
 


« back
Sezione Paradoxa