Novaspes
Paradoxa on line

Ricerca per autore



» Vai a tutti gli articoli

 UNA CASTA A TUTTI GLI EFFETTI: L'ORDINE DEI GIORNALISTI (Estratto da Paradoxa 2/2017)

 Gianpietro Mazzoleni

L’Ordine dei giornalisti. Una realtà tutta italiana. Quando si cerca di spiegare agli studiosi stranieri di media e giornalismo che cosa sia, cosa faccia e soprattutto perché da noi esista una simile ‘istituzione,’ ci si trova sempre in grande difficoltà. Anche evitando di dire che l’idea risale all’epoca fascista, si prova un certo imbarazzo nello spiegare che la professione giornalistica è regolata da una legge, risalente al 1963 (la n. 69), che ha istituito un Ordine al quale ha affidato il ruolo di decidere chi può entrarvi e chi no. 

» vai all'articolo


 OPEN SCIENCE: ALTMETRICS, IMPATTO E CONTROLLO DELLA QUALITA' (Estratto da Paradoxa 1/2017)

 Paola Galimberti

Mai come in questi ultimi anni l’enfasi posta sulla misurazione è stata più forte. C’è una richiesta di accountability alle università e agli enti di ricerca da parte del ministero e della società che si traduce nel dover dimostrare il proprio valore (quello del proprio gruppo di ricerca, della propria istituzione, della propria disciplina), nel rendicontare che gli investimenti fatti hanno dato dei buoni esiti, e questo viene fatto preferibilmente attraverso un numero (o diversi numeri). 

» vai all'articolo


 LOBBISTI A MODO NOSTRO. DIECI ANNI DI «PARADOXA» (Editoriale di Paradoxa 4/2016)

 Laura Paoletti

È frutto di un caso. Ma che il decimo compleanno di «Paradoxa» cada in un fascicolo dedicato al tema delle lobby è una circostanza fortunata, oltre che fortuita, perché mette in risalto, come meglio non si potrebbe, due tratti salienti della fisionomia della rivista.

» vai all'articolo


IL SISTEMA ATLANTICO E LA GLOBALIZZAZIONE. LE RAGIONI GEOPOLITICHE DI UN TRATTATO COMMERCIALE TRA STATI UNITI ED EUROPA (Estratto da Paradoxa 2/2016)

Ennio Di Nolfo

1.  Per tutti gli esseri umani è chiaro che la Terra è un globo e come tale essa è sempre stata globalizzata. Nel tempo le conseguenze di tale condizione astronomica sono però mutate. Subito dopo il crollo dell'Unione Sovietica l'esistenza delle due superpotenze venne sostituita dalla sopravvivenza di un solo paese virtualmente capace di dominare la vita globale. 
» vai all'articolo


IL DIALOGO INTERRELIGIOSO CON L'ISLAM (Estratto da Paradoxa 1/2016)

Brunetto Salvarani

Una premessa, strategica. Ciò che i terroristi nel nome di Allah vorrebbero scatenare, a qualsiasi fazione si richiamino,sembra una guerra ma in realtà è una fitna, uno scontro fratricida per l’egemonia all’interno della umma, della comunità islamica (come da tempo ha colto il sociologo francese Gilles Kepel, ad esempio). 

» vai all'articolo


 LETTURE E LETTORI FACILI E DIFFICILI (Editoriale di Paradoxa 2/2017)

 Laura Paoletti

Questo fascicolo si offre a due livelli di lettura; ma forse anche a due letture e infine persino a due lettori di tipo diverso: per questo è bene fare chiarezza. Il primo livello, più immediato, è quello di un’ampia ricognizione, che si fa denuncia circostanziata, di sacche di inciviltà: quelle sacche che si creano quando la società (in prima battuta) civile si ripiega su se stessa, frantumandosi in gruppi e comportamenti autoreferenziali che di civile hanno ben poco. 

» vai all'articolo


SCIENZA APERTA, PROBLEMI APERTI (Editoriale di Paradoxa 1/2017)

 Laura Paoletti

  Fingere oggi, nell’epoca di Internet, che non esista una questione dell’open access sarebbe come continuare ad investire sulla formazione degli amanuensi nell’epoca di Gutenberg: un clamoroso, poco lungimirante, drammaticamente anacronistico spreco di risorse. Ovvero proprio quel che per lo più accade.

» vai all'articolo


THE FLAT EARTH SOCIETY(Editoriale di Paradoxa 2/2016)

Laura Paoletti

Tra le amenità che la rete sforna a getto continuo e che per qualche motivo diventano, come si dice, ‘virali’, circola negli ultimi tempi il post del tale che ha dichiarato su Facebook che «The Flat Earth Society has members all around the globe (L’Associazione della Terra Piatta ha membri in tutto il globo)».

» vai all'articolo


FRANZ KÖNIG – L'EREDITÀ, LE URGENZE (Editoriale di Paradoxa 1/2016)

Laura Paoletti 

In un’epoca in cui le immagini della violenza contro religioni altre – da Auschwitz alle decapitazioni dell’IS, passando per l’11 settembre – sono entrate a pieno titolo in quello che gli studiosi di comunicazione chiamano inconscio digitale (versione virtuale di quello collettivo), il problema non è tanto giustificare l’urgenza di un dialogo tra le religioni, quanto l’assenza di una qualunque strategia a largo raggio volta a sostenere sul piano politico, economico, diplomatico tutte quelle iniziative che si sforzano di promuoverlo.

» vai all'articolo



Sezione Paradoxa